cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

il marito della panettiera

Lascia un commento

la mia panettiera si chiama fatima, detta fati, e viene da casablanca. è una donna molto smilza, molto pratica, infinitamente gentile, che aggiunge sempre qualche grissino o un pezzo di focaccia al mio sacchetto, dopo aver fatto i conti. adora mia figlia, che adora pane e panifici, e le ha promesso che, quando avrà l’età, d’estate potrà lavorare con lei per guadagnare qualche soldo.
un giorno mi ha chiesto se fossi sposata e alla domanda è seguita una conversazione, nel corso della quale la fati mi ha detto di essere venuta in europa perché lei, fin da piccola, ha sempre avuto un irreprimibile bisogno di libertà. da bambina, da adolescente non faceva nulla di speciale, ma odiava sentirsi chiedere dove fosse stata e cosa avesse fatto. parenti e vicinato le respiravano troppo dappresso, così è venuta in italia, dove ha voluto fare l’imprenditrice. con il suo panificio dà lavoro a un paio di compaesane con i capelli rosa e a un panificatore maschio con i capelli normali. si respira, in quel negozio, un po’ di quel marocco che al turista non nega mai una tazza di tè, insieme con una forte aspirazione alla tranquillità e all’indipendenza da parte di tutte le ragazze. la stessa, quest’ultima, rimandata dall’inconfondibile sagoma di fatima – una specie di olivia di braccio di ferro un po’ più bassa – che, mentre cammina per andare a fare qualche commissione, si agita leggermente al suono del suo ipod. difficilmente si potrà vedere la fati partecipare a qualche festa etnica con un piatto di cuscus in mano. fatima abita fuori milano e immancabilmente, mi racconta, al suo rientro, quasi sempre tardi la sera, la tavola è apparecchiata e la cena è pronto, preparata per lei da suo marito francesco.

p.s.: spero per fatima che suo marito, oltre a prepararle la cena, la insidi come il marito della parrucchiera faceva con la stessa: trionfo dell’amore erotico coniugale. nel caso, spero anche che la fati non si suicidi.

courtesy
per la panettiera in ceramica: http://www.santon-de-provence.net
per la targa blu: http://www.gal-123.com
per la panettiera marocchina seduta: http://www.marocantan.com
le altre non me le ricordo, se qualcuno dovesse protestare eliminerò le immagini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...