cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

rammarico per un libro che finisce

8 commenti

Il motivo della disperazione di chi scrive è la fine del Diario (1660-1669) di Samuel Pepys. Il libro è stato frazionato centellinato sminuzzato suddiviso frammentato ma è terminato ugualmente. A Sam, alla fine, mi ero affezionata come a un amico un po’ scapestrato, uno capace di dire:

“Ho passato tutta la mattinata ad attendere alla mia pulizia personale perché da cinque settimane vivevo nel sudiciume”,

e anche:

“Si tratterebbe di trovare marito a mia sorella. Non si parla per ora di nessun pretendente, ma sarebbe il caso di trovarne uno perché quella poveretta diventa vecchia e brutta”,

ma pure:

“Ho passato tutta la giornata in casa con mia moglie e col ragazzo dal quale mi sono fatto leggere la vita di Giulio Cesare e il Trattato della Musica di Descartes, del quale non ho capito niente”,

e poi l’immagine della vita perfetta:

“Dopo aver chiacchierato con l’oste ho mangiato un piatto di cacciagione annaffiato con ottima birra, e, ripresa la barca, sono tornato a casa al chiaro di luna”.

8 thoughts on “rammarico per un libro che finisce

  1. Spero di trovarlo in Biblioteca . . .pare interessante! Mi informo! 🙂

    Ciao, R

  2. e io spero che tu lo trovi: è splendido.

    aa

  3. Grazie della segnalazione. Sono un appassionato di diari e non mi farò sfuggire questo testo che non sapevo proprio esistesse.

    Stefano

  4. ti assicuro, stefano, che ti piacerà. temo che il problema sarà trovarlo. tu sei a milano?

  5. No, io abito in provincia di pavia e lo prenderò, appunto, a pavia. Ho controllato sul catalogo on line e ho trovato che il volume è disponibile in almeno due biblioteche (l'universitaria e la bonetta). Quindi nessun problema, lo leggerò. Grazie ancora. Ciao

  6. grazie a te, e a presto.

  7. Ho controllato . . . nelle Biblio del sistema interbibliotecario, ci sono due copie, in inglese, solo per consultazione in sede . . . lo potrei trovare da acquistare??? Dove??? In rete non ho trovato questa informazione (veramente l'ho cercata con il nipotino in braccio . . . e non sono cybernetica) 😉

    Grazie! R

  8. il fatto è che io l'ho comprato usato al libraccio, in un'edizione del 1982. ti do comunque i dati: Samuel Pepys, “Il diario (1660-1669), a cura di Milli Dandolo con prefazione di Guido Almansi, collana Nuovo Portico, Bompiani, Milano 1982. buona caccia.

    aa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...