cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

Frullato misto_il nostro bisogno di caratterizzazione

10 commenti

Questa lenzuolata (per usare un termine caro a Bersani, che lo ha menzionato parlando di norme contro la corruzione – vedi il secondo titolo di paragrafo nell’articolo qui) di indistinguibili copertine è attualmente in esposizione alla Fnac di via Torino.

IMG-20130212-00078

Si tratta di romanzi rosa e di loro evoluzioni, pubblicati da una serie di casa editrici: Newton Compton, Harlequin Mondadori, Giunti, Baldini & Castoldi, Sperling & Kupfer, Fabbri, Tre60, forse qualche altra.

IMG-20130212-00077

IMG-20130212-00076

IMG-20130212-00075

Cosa sta succedendo ai grafici italiani? Come mai questa decina di case editrici non si rende conto che la veste grafica dei libri dell’una è il clone di quella dell’altra?

10 thoughts on “Frullato misto_il nostro bisogno di caratterizzazione

  1. se ne rendono conto benissimo, difatti è il motivo per cui quei libri vengono venduti: copertine zuccherose e accattivanti, font arrotondati e dal sapore familiare, titoli banalotti che prospettano una non impegnativa lettura sul vagone della metro di ritorno a casa… insomma, il cliente-lettore vuole libri svuotacervello e le case editrici ovviamente lo accontentano.

  2. invidio per il povero grafico che si trovato a impaginare “amori impossibili e fragole con panna” metti nello sgabuzzino il cervello e la dignit e, protetto dall’anonimato che queste edizioni ti consentono, fai quello che non avresti mai pensato di poter fare. Il kitsch cos liberatorio! graphic rhino

  3. massì, sono queste le cover che piacciono da matti a chi legge questi libri! perchè cambiare formula? non dirmi che ti stupiscono!

  4. Forse c’è un solo grafico al servizio di tutte queste case editrici

  5. sai come funziona? che siccome non ci son soldi, allora si usano collaboratori interni più o meno qualificati: i quali, nche solo per non sbagliare o per fare più in fretta, copiano lavori già fatti, da sé o da altri. è l’ottica miope della crisi, e ci coinvolge tutti, purtroppo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...