cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

cantare, suonare, autoriferirsi due

Lascia un commento

imagescosì scrive su facebook un’autrice italiana, evidemente affezionata al fai da te:

“Sono a pagina settantadue del mio settimo libro e improvvisamente capisco perché ascolto con un certo distacco le reazioni degli altri nei confronti di un singolo romanzo: nel tempo, piano piano, sto cercando di raccontare tanti mondi, mondi molto diversi fra loro, c’è chi si sente più vicino a uno e chi a un altro, è naturale. E questo francamente mi inorgoglisce: vuol dire che copro sensibilità lontane, che mi metto in gioco su temi nuovi, insomma che mi sfido e non mi ripeto. Mi annoierei troppo a scrivere sempre le stesse cose, nello stesso modo. Quindi lo faccio per me, prima ancora che per i lettori, perché è bello e sano mettersi in discussione, costi quel che costi. Senza curiosità, senza esperimenti, senza tentativi e dubbi, non c’è letteratura. E non c’è neanche vita, credo.”

per “cantare, suonare, autoriferirsi uno” vedi qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...