cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

Grazia, le sue Canne, i biblioristoranti di Milano

Lascia un commento

Ricorrono esattamente in questi giorni i cento anni dalla pubblicazione di Canne al vento, di Grazia Deledda: ricordo che mi è stato stimolato invero, piuttosto che dalla consultazione di dotti lunari, dall’essermi imbattuta in un ristorante milanese sito in via Rosolino Pilo.

canne al vento

L’insegna del ristorante milanese Canne al vento, in via Rosolino Pilo

C’è un punto pieno di pathos in cui questo libro parla di libri, quello del ritorno di Efix:

Donna Ester leggeva tranquilla seduta su uno sgabellino davanti alla panca antica, ma d’improvviso il gatto posato sulla sua ombra accanto al lume e che seguiva con gli occhi i movimenti delle mani di lei, le saltò in grembo come volesse nascondersi e di là balzò sotto la panca: ella sollevò la testa, vide lo sconosciuto e cominciò a fissarlo con gli occhi scintillanti e il libro che le tremava fra le mani.

“Ebbene, sì, sono io, padrona mia! Sono tornato. Il vagabondo è tornato. Che ne dice, donna Ester? Come va la salute?”

“Efix! Efix! Efix!”, ella balbettava.

“Proprio Efix! Ha male agli occhi, donna Ester, che tiene gli occhiali?”

“Tu, Efix! Siedi. Sì, ho avuto male agli occhi dal troppo piangere.”

Ma Noemi li guardava tutti e due coi suoi occhi cattivi e pareva divertirsi alla scena.

“Sì, Ester! Hai gli occhiali perché oramai sei vecchia.”

“Siedi”, invitò anche lei, battendo la mano sulla panca, ed Efix sedette accanto alla vecchia padrona tutta tremante di sorpresa.

Sulle prime non seppero cosa dirsi: egli stringeva a sé la bisaccia e chinava la testa vergognoso; ella si levò gli occhiali, li chiuse fra le pagine del libro, parve volesse appoggiarsi al fianco del servo.

 

Grazie Deledda, Canne al vento, Treves, Milano 1913

Il ristorante Canne al vento servirà specialità sarde, mi chiedo? Cuore freddo alla Zame? Fegato gonfio alla Efix? E tornando al concetto di Milano città di libri, ci saranno altri ristoratori meneghini che per i loro commerci si sono fatti ispirare dalla letteratura? Sì, almeno una trentina:

– Osteria Stendhal, in via Ancona (Marie-Henri Beyle)

Il brutto anatroccolo, in via Evangelista Torricelli (Hans Christian Andersen)

La Sirenetta, in via Carabelli (Hans Christian Andersen)

Le tre melarance, in via Orti (Giambattista Basile)

Aladino, in via Maiocchi (per la prima volta nell’edizione delle Mille e una notte di Antoine Galland)

Ali Baba, in via Cadore (Antoine Galland)

I Malavoglia, in via Tadino (Giovanni Verga)

– Pizzeria Al piccolo principe, in via Fiamma (Antoine de Saint-Exupéry)

– Ristorante Montecristo, in via Prina (Alexandre Dumas)

Il gatto e la volpe, in via Paulucci di Calboli Fulcieri (Carlo Collodi)

Grillo parlante, in Alzaia Naviglio Grande (Carlo Collodi)

Shannara, in via De Andreis (Terry Brooks)

– New Moby Dick, in via Porpora (Herman Melville)

– Trattoria Miseria e nobiltà, in via delle Forze Armate (Eduardo Scarpetta)

Shangri La, in via Lazzaretto (James Hilton)

– Trattoria Gattopardo, in via Procaccini (Giuseppe Tomasi di Lampedusa)

Il vecchio e il mare, in via Govone (Ernest Hemingway)

– Al Conte Ugolino, in piazza Beccaria (Dante Alighieri)

Lacerba, in via Orti (Giovanni Papini, Ardengo Soffici: quest’anno ricorrono i cento anni dalla fondazione della rivista)

– Ristorante Pirandello, in viale Gian Galeazzo (Luigi Pirandello)

– Ristorante Gargantua, in corso di Porta Vigentina (François Rabelais)

– Enoteca La volpe e l’uva, in via Senato (Esopo)

Don Lisander, in via Manzoni (Alessandro Manzoni)

Siddharta, in viale Elvezia (Hermann Hesse)

Il padrino, in via Ariberto (Mario Puzo)

Il barone rampante, in viale Legioni Romane (Italo Calvino)

Todo modo, in via Broglio (Leonardo Sciascia)

La tana del Bianconiglio, in via Dezza (Lewis Carroll)

Il santo bevitore, in via Aleardi (Joseph Roth)

Peter Pan, in via Donizetti (James Matthew Barrie)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...