cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

Un commissario esordiente: “Natura morta in riva al mare”, di Jean-Luc Bannalec

2 commenti

gauguin-la-vision-du-sermon

Paul Gauguin, La vision du sermon, la lutte de Jacob avec l’Ange, 1888. Courtesy italiq-expos.com

Abbiamo inaugurato l’estate con Gavino Angius, in Sardegna. Poi l’estate è diventata molto variabile, pertanto si rivela opportuno mettere in valigia o sul comodino il giallo di Piemme Natura morta in riva al mare, dell’esordiente (sotto pseudonimo) Jean-Luc Bannalec, ambientato a Concarneau, nel Finistère, luogo dove il tempo variabile è la norma. Tre centinaia di pagine all’aroma di Atlantico, di caffè e di petits pains.

concarneau_port_de_plaisance

Concarneau, Bretagna. Courtesy infrancia.org

La vicenda è presto detta: il facoltoso albergatore novantunenne Pierre-Louis Pennec – proprietario del leggendario hotel Central di Pont-Aven, dimora nel passato di artisti come Paul Gauguin –, appreso di dover morire a breve, chiede al proprio notaio una modifica del testamento, ma prima che l’incontro  possa avvenire viene assassinato. Il commissario Georges (senz’altro Simenon: d’altra parte a Concarneau il grande belga ambienta sia Il cane giallo sia Le signorine di Concarneau) Dupin (senz’altro Auguste), piuttosto insofferente a regole e gerarchie, da Parigi (di cui ha offeso il sindaco) viene trasferito a Concarneau, piccolo centro bretone a una decina di chilometri da Pont-Aven, sede della celebre scuola che si formò al seguito di Gauguin.

Dupin, poliziotto bisognoso di molti caffè e dell’aiuto costante di un taccuino per supplire a una memoria non sempre benigna – i taccuini del commissario sono quadernetti Clairefontaine, su cui scrive con penne Bic: una scelta di cancelleria, a parere di chi scrive, ineccepibile –, lavora, parigino tra bretoni non sempre fiduciosi e collaborativi, alla soluzione del caso Pennec. Di indole riflessiva, ha spesso bisogno di raccogliersi in solitudine e propizia questi momenti lasciando nel cellulare lunghe scie di chiamate inevase. Gli hanno assegnato un appartamento con balconcino sul mare, dal quale si vede la Roccia di Flaubert: “Si diceva che Flaubert stesse sempre seduto lì quando era a Concarneau”, p. 95. “Comme j’ai besoin de sortir du milieu où j’agonise, dès le commencement de septembre, je m’en irai à Concarneau, près de Georges Pouchet, qui travaille là-bas les poissons. J’y resterai le plus longtemps possible.”: così Flaubert in una lettera a Zola del 13 agosto 1875.

Aggiunge un tocco pop alla personalità del nostro commissario un vezzo che pare proprio mutuato da quello del Tenente Colombo (peraltro anch’egli utilizzatore di malandati taccuini): Dupin tende infatti a congedare coloro che ha interrogato, salvo poi porre loro un’ultima domanda quando quelli, sollevati, stanno già infilando la porta.

L’albergo al centro dell’indagine, “alle cui pareti bianche erano appese, come dappertutto a Pont-Aven, le immancabili copie dei dipinti della colonia di artisti di fine Ottocento” (p. 18), ha un impianto di condizionamento eccessivamente professionale ed efficiente. Questa riflessione del commissario Dupin darà la stura a una serie di verifiche che coinvolgeranno una nota storica dell’arte di Brest e il direttore del Musée d’Orsay, chiamati a coadiuvare il parigino mentre cerca di districarsi tra figli frustrati, nuore meno innocue di quanto appaiano, ambiziosi professori di provincia e un luminosissimo color arancione.

L’indagine attorno all’omicidio, pur complessa, coinvolgente e serrata (durerà in tutto quattro giorni), non sta da sola al centro del racconto. Le acque – mare, fiume e pioggia –, il vento dell’Atlantico, la vegetazione, i repentini mutamenti atmosferici, in una parola la vincolante natura della Bretagna, sono sostanziosi comprimari nello svolgersi della vicenda e riflettono chiaramente l’amore dell’autore per quella terra. Il tutto intessuto nelle giornate e nei ritmi corporali del commissario Dupin, capace di lavorare senza pensare a nient’altro e di avvertire improvvisamente una fame irresistibile, che soddisfa con portate di cucina bretone, da lui molto amata, le quali letteralmente escono dalla pagina per offrirsi al lettore: e se da una parte la bulimia caffeinica di Dupin è tutta balzachiana – “Aveva sempre bisogno di tanti, tantissimi caffè … Senza una massiccia dose di caffeina il suo cervello non funzionava; di ciò era fermamente convinto”, p. 39 –, tutto rabelaisiano è l’elenco dei cibi citati: e sono fragranti petits pains, grands crèmes, sandwich jambon-fromage, crêpes complètes, entrecôtes innaffiate da Languedoc “pastoso, vellutato e morbido”, frutti di mare, grassi pesci, Sancerre, litri di acqua Badoit, burro, gâteau breton, patate fritte e senape.

Altro non posso svelare: però posso invitarvi a partire per la Bretagna restando a casa vostra con questo libro, assai soddisfacente per cervello, pancia e cuore (sì, anche cuore, perché a un certo punto il commissario e Marie Morgane…).

566-3111-1_c7c23c834bd36f18e4092af5397ac7b3Cahier de doléances

Chi scrive ha trovato nel libro un unico refuso, un accento circonflesso superfluo sulla prima a della parola “plateau”, a p. 119. Deve però citare una ricorrenza eccessiva, a tratti ossessiva, dell’aggettivo “incredibile” e del suo avverbio “incredibilmente”, che si leggono davvero ogni poco. Non ha letto l’originale, ma ritiene che il traduttore, con la collaborazione del revisore, avrebbe potuto sforzarsi di trovare qualche alternativa.

Jean-Luc Bannalec, Natura morta in riva al mare, traduzione di Giulia Cervo, Piemme, Milano 2013, 308 pagine, 16,90 euro ben spesi

2 thoughts on “Un commissario esordiente: “Natura morta in riva al mare”, di Jean-Luc Bannalec

  1. Prendo nota e vado a cercarlo! 🙂

    Ciao, Fior

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...