cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

dico a te, sfigatone: eternamente connesso sarai tu

7 commenti

Emily Hahn-smoking-cigar-1964perché poi ci sono quelli che ti pensano eternamente e incessantemente connesso. che non riescono a immaginarti in una stanza senza l’appendice-cellulare appresso o in bagno con un libro. o sul divano con un libro. o in tram, in metro, in treno con un libro che vuoi leggere senza essere disturbato (“ho provato a chiamarti ma il telefono era spento”; “il telefono squillava ma non hai risposto”, con intento colpevolizzante nella voce). o non riescono a figurarsi che stanotte hai deciso di leggere un paio di libri che ti aspettavano da tempo, e allora alle sei di questa mattina invece di sollevare le tapparelle le hai lasciate abbassate e, invece di scrivere il primo post su facebook in cui augurare garrulamente il tuo buongiorno al mondo, il mondo lo hai mandato a ramengo e hai dormito mentre i tuoi co-umani producevano i loro post su facebook inanellandone molti per documentare le proprie lunghe giornate; svegliandoti alle diciotto per un caffè serale con il prossimo titolo da leggere già in mente.

7 thoughts on “dico a te, sfigatone: eternamente connesso sarai tu

  1. aspettando che l’acqua per la pasta bolla, in piedi davanti ai fornelli e con la luce della cappa accesa, si legge benissimo. bentornata signoracosedalibri.

  2. solo tu, solo tu, cara la mia art director, potevi fare un commento so chic: leggere alla luce della cappa, che bella meraviglia!

  3. E ti metti seduto tra le piante rigogliose. La raglia, il gelsomino, il pruno, che rimangono li a guardarti con le gambe accavallate ed un tė tra le mani. L’odore del terreno e della carta. Il suono di un pennuto di cui non conosci la razza ma sai che vola, certamente vola.
    E poi un libro di Biondillo aperto sulle ginocchia. Perché alcune righe le leggi, sorridi e successivamente, bevendo, ci pensi. Rifletti.
    Che il telefono è su qualche mensola del cesso. Dimenticato ed in carica.
    Pronto per l’uso.
    Pronto, appunto.

  4. Io faccio di peggio, metto la suoneria su silenzioso (ma senza vibrazioni, per carità) e poi quando trovo le chiamate non richiamo 😉

  5. pratiche di libertà contemporanee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...