cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

Il rabbino Fix, lo shofar e il peso dei libri

4 commenti

Page_1“… La Bibbia, che non dice molto sul Capodanno, prescrive, senza dare spiegazioni, che in tali ricorrenze si suoni lo shofàr, il più antico strumento a fiato dell’umanità. Il rabbino Fix adempiva personalmente a questo compito, quindi tanto meglio se poteva scegliere il corno di montone che meglio rispondeva alla sua capacità polmonare.

Scacciò la fatica che lo pervadeva. Forse la prossima notte, e sicuramente sull’aereo, avrebbe potuto recuperare un po’ di sonno. E poi non gli dispiaceva di fare un salto a Meà Shearìm. Il vecchio quartiere dei chassidìm e delle scuole talmudiche non aveva il monopolio dello zelo religioso estremo, ma restava comunque uno dei quartieri dell’ebraismo ultraortodosso e il solo a dare al visitatore la sensazione di penetrare in un mondo a parte, dove le regole di ciò che è permesso e ciò che è proibito al pedone o al normale automobilista non sono le stesse che altrove.

Certo, i sensi unici vi sono rispettati, ma solo perché le strade sono così strette che non è possibile fare altrimenti e non certo perché le regole municipali lo impongono. Là è proibito solo ciò che i rabbini del luogo proibiscono. A Meà Shearìm, l’ebraico è soppiantato dallo yiddish e la sua ora non è quella di Greenwich né quella dell’ateo Stato d’Israele e l’eleganza è soggetta alla morale. Qui gli uomini sono agghindati come i loro padri nella fredda Polonia o come l’asso di picche – nero ovviamente. Se i vestiti rammendati, già portati prima dalle sorelle o dai fratelli più grandi, stanno ad indicare l’estrema povertà delle famiglie, allo stesso tempo attestano la suprema ricchezza loro accordata dalla numerosissima prole e dallo studio della Torà, considerato altamente onorevole invece che assoggettarsi alla servitù di un impiego.

Le cose, però, malgrado tutto, stanno cambiando inesorabilmente. Senza impedire che le macchine stazionino sui marciapiedi, i parcheggi e il lastricato danno una qualche aria di modernità. I manifesti sui muri – invettive, sentenze dei tribunali rabbinici o semplici messaggi pubblicitari – talvolta sono stampati a colori. Quelli che vantavano i meriti, con tanto di foto, di “cellulari rigorosamente kashèr” attrassero ovviamente l’attenzione di Fix che si chiese se si trattasse di una nuova tecnologia per poterli usare anche di Shabbat. La realtà era più prosaica: si trattava di cellulari scollegati dalle linee erotiche. La vita non sempre è facile a Meà Shearìm che, in questo secolo di permissività, tenta di mettere una pezza dove è possibile.

Uno shofàr non è pesante, ma i libri! I libri pesavano. Non aveva saputo resistere alle bancarelle e alle librerie che qui avevano la stessa densità delle banche nella City.”

 Il gentile dottor Maimon, che stava curando il nipote del rabbino Fix, ferito a Gerusalemme durante un attentato palestinese, viene trovato morto nella sua auto: è una vittima dell’Intifada? Il rabbino non si accontenta della verità più semplice e decide di indagare – tra Parigi, dove vive, e Israele –, armato di Talmud. Lettura assai amena, ve lo dice la signora “cose da libri”.

Jacquot Grunewald, La tentazione del rabbino Fix, traduzione di Vanna Lucattini Vogelmann, Giuntina, Firenze 2014, 15 eurini molto ben spesi

 

4 thoughts on “Il rabbino Fix, lo shofar e il peso dei libri

  1. Ed io seguirò il tuo consiglio.
    Che a leggere quel che prescrivi non si sbaglia mai.
    Con questa pioggia, ti lascio le note di : voyage immobile – hoxmo puccino

  2. Ops, voyage immobile – hocus pocus.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...