cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

quando si dice la serendipity_il giovane d’isa

4 commenti

mi sono imbattuta nel giovane francesco d’isa via mail, nel senso che una mail ha provveduto a informarmi che lo stesso era divenuto mio follower su twitter, dove ha nome @pornsaints. santi porno di cui lui è il pornpope.

e insomma, il fatto che sia di prossima uscita un suo libro intitolato anna – storia di un palindromo mi ha molto benevolmente disposta nei confronti di questo artista-scrittore.

d’isa disegna donne in forma di incubi di carne un po’ picasso un po’ dalí, afflitte da polipi, concrezioni, escrescenze, gravide dei loro stessi cuori o cervelli. 2009_21396_26572

ha rappresentato l’europa come una donna-monumento che attraversa con le gambe giardini all’italiana e un mare pullulante di oggetti e creature, il tutto reso con una grafica precisa che richiama i rigori della carta millimetrata.europa900px

d’isa, poi, tiene una rubrica sul “post” intitolata recensioni brevissime di libri difficili, che ha definitivamente conquistato mrs. cose da libri, da sempre amante della misura breve. riporto quella su amleto, ma leggetele tutte – le trame sono spassosissime: si trovano qui.

Ci si chiede perché un libro sia a tal punto “Il Libro” da divenire quasi illeggibile. La risposta è che poche pagine scritte meravigliosamente contengono tutte le vostre più angosciose domande, cui viene data l’unica risposta possibile (ovvero nessuna) nel migliore dei modi.

Trama: Amleto vuole vendicarsi, una cosa tira l’altra e muoiono tutti.
Editore: Varie
Voto:
 99,9 su 100

infine, d’isa ha un’aria molto british, vagamente punk: tutto il contrario dello stereotipo dello scrittor giovane italiano, bolso e vecchiotto e retorico già a vent’anni.FrancescoDIsa

francesco, sappi che piaci anche alle blogger anziane.

4 thoughts on “quando si dice la serendipity_il giovane d’isa

  1. L’ha ribloggato su Il mio nome era Ninone ha commentato:
    Ecco qui un articolo davvero interessante! Buona lettura a tutti

  2. Per te e per tutti i tuoi lettori: “Writers At Work” http://writersatwork.pfauth.com/
    So già che lo amerai/amerete 🙂
    Di foto di scrittori al lavoro se ne trovano in giro parecchie, ma così tutte insieme è da overdose. Consiglio di usarlo con moderazione, non più di 5 o 6 foto al giorno o secondo prescrizione medica 😉

  3. Da twitter, alle recensioni, ai disegni. Per D’Isa ho usato esattamente la stessa parola: serendipità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...