cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

della necessità di disporre di un gran numero di stoviglie diverse, a tutto beneficio dell’attività intellettuale

Lascia un commento

cinderellaspazzare, rigovernare, rassettare: sono verbi di sapore arcaico (tutti invalsi tra il XIII e il XIV secolo, come ci dice il sabatini coletti), funzioni che l’umanità è arrivata a trasferire pagando suoi simili per svolgerle, ma non ancora a eliminare. si spende settimanalmente un tempo enorme per occuparsi delle cose domestiche (36 ore le donne e 14 gli uomini), un tempo sprecato principalmente da esseri di sesso femminile. perché il copione, poi, è ripetitivo sino all’ossessione. usiamo oggetti e sporchiamo praticamente qualunque cosa facciamo, e non esiste via di uscita. su questa realtà si sono costruiti abitudini, comportamenti e malattie prevalentemente femminili: dall’imposizione dell’so delle pattine ai membri della famiglia, quando era ancora frequente dare la cera ai pavimenti (so anche di alcune spostate che non ti fanno entrare in casa se non ti togli le scarpe, parente o amico che tu sia: esse hanno acquistato pianelle di ogni misura e foggia, e le tengono nell’ingresso per scongiurare l’entrata del nemico) all’ordine compulsivo da infliggere agli sventurati che vivono in casa con la pazza agli atteggiamenti di recriminazione perpetua di molte signore che parlando di sé stesse come di schiave, nel migliore dei casi martiri, cui non si tributa il minimo rispetto.

presso la casa di mrs. cose da libri le condizioni sono assai variabili. dipendono dalla quantità di parole da lavorare, dall’umore del giorno, dal gusto di mettersi in libertà lasciando cose in giro (un gusto molto spiccato presso l’adolescentina di casa, che da questo punto di vista pratica con profitto il massimo della nonchalance). e poi dipendono, le condizioni della casa, massime della cucina, dalla quantità di stoviglie rimaste pulite.

bisogna sapere che in casa c’è una grande quantità di piatti, bicchieri e posate, spesso utilizzati fino all’esaurimento, all’ultimo cucchiaino di riserva.writers

perché, signori, chi si sogna di lavare i piatti ogni santa volta, se nell’altra stanza c’è un divano da occupare, una pila di libri da sfogliare, leggere, piluccare, matite per sottolineare, taccuini per prendere appunti e poi george, william, gustave, honoré, patricia, philip, saul e giacomo che ti aspettano?Catalogue Notebooks2010 A4_IT.indd

e, dulcis in fundo, il moleskine fatto apposta per registrare e classificare i libri che hai letto?

sink

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...