cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

i dattilografi narcisisti_un attimo, solo un attimo prima del self publishing selvaggio

3 commenti

Self-Publish-Releasesolo un attimo prima, nel 2005, così scriveva pat walsh nel suo 78 ragioni per cui il vostro libro non sarà mai pubblicato & 14 motivi per cui invece potrebbe anche esserlo:

“La grande scrittura non è un prodotto naturale. Non è semplicemente un dono. non è una questione genetica. La capacità di usare le parole – raccontare una storia, far capire alla gente ciò che non sa, farle vedere ciò che prima non sapeva immaginare – è un talento, e il talento non è ‘gratis’. È qualcosa che va conquistato attraverso la dedizione, la smania, la cura. Nasce dal desiderio di condividere con il lettore i frutti della propria immaginazione e della propria esperienza, esattamente come si viene educati e trae piacere dalle fatiche degli altri scrittori. Sboccia e fiorisce dall’impegno a mostrare e far apprezzare agli altri ciò che si è visto e apprezzato. Una scrittura densa e bella è un modo per ricolmare il pozzo da cui si ha attinto.

Quelli che scrivono per motivi sbagliati, che non leggono, che sono mossi solo dal desiderio di gloria e di fama, non li definirei scrittori: non sono che dattilografi narcisisti, ed è anche a causa loro se molti scrittori validi non potranno mai aggiudicarsi un posto sullo scaffale di una libreria. […]

Quello dello scrittore è il mestiere più bello del mondo, perciò è giusto che sia anche il più difficile. Essere pubblicati non dovrebbe essere una cosa facile. Immaginate per un attimo che lo fosse: ogni persona in possesso di una macchina da scrivere o di un computer, e di un po’ di tempo libero, avrebbe un libro in fase di pubblicazione. In pratica, vivremmo in una discarica letteraria. Le persone che amano leggere dovrebbero passare al setaccio centinaia di libri pessimi per trovarne uno passabile, e centinaia di libri passabili per trovarne uno grandioso.”

 Per qualche cenno sul ruolo dell’editore nella selezione dei libri da pubblicare si veda anche qui (questa è una autocitazione).

3 thoughts on “i dattilografi narcisisti_un attimo, solo un attimo prima del self publishing selvaggio

  1. Anche se essere pubblicati (almeno in formato cartaceo e da un editore serio) non è facile, purtroppo questa parte è comunque vera:

    “In pratica, vivremmo in una discarica letteraria. Le persone che amano leggere dovrebbero passare al setaccio centinaia di libri pessimi per trovarne uno passabile, e centinaia di libri passabili per trovarne uno grandioso.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...