cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee

postcards from lyon 7

1 Commento

dove si va alla scoperta del vieux lyon, si approda al museo delle miniature e si passa per rue de juiverie scoprendo che è la mecca delle arti

 

DSC02412

rue saint jean, casa dello stampatore guillaume leroy

DSC02423

 

DSC02418

la libreria diogène

 

dig

in rue saint jean è sorto anche il primo laboratorio francese di polizia scientifica

 

DSC02425

il negozio di piante rare “aux azalées”, da xavier

dav

 

 

DSC02437

le piante carnivore di xavier

rue saint jean, che da place du change arriva all’omonima cattedrale nell’omonima piazza, è piena di cibo – molti i bouchons, caratteristiche trattorie locali –, di libri, di cose segrete da vedere, ad esempio i traboules, ingegnosi, talora misteriosi passaggi che collegano una strada all’altra. in quello sito al numero 54 di rue saint jean ho trovato attaccata a una finestra un misteriosa etichetta, che ribadiva la natura un po’ esoterica di questi passaggi, al cui interno ancora esistono piccoli condomini, e infatti su diversi cartelli si legge l’invito, diretto ai turisti, a fare silenzio per non disturbare gli abitanti.

dav

una traboule in prospettiva

DSC02413

dal basso

dav

condominio nella traboule

dav

traboule, l’etichetta misteriosa

Screen Shot 2017-09-24 at 14.45.37

le secret

 

Screen Shot 2017-09-24 at 14.46.47

non disturbare

al numero civico 60 si trova il musée cinéma et miniature, creato dal minaturista dan ohlmann. quante minuscole meraviglie, in questo luogo, perfettamente allestite: mrs. cosedalibri ha scelto una stamperia e una biblioteca.

DSC02386

 

DSC02379

la stamperia in miniatura

DSC02383

 

 

DSC02390

la biblioteca in miniatura

DSC02395 copy

 

DSC02396

DSC02397

DSC02398da rue saint jean si prosegue fino alla chiesa di saint georges, nei pressi della quale un ponte sul rodano conduce alla grande sinagoga, un edificio ottocentesco piuttosto austero.

DSC02408

a tre minuti da rue saint jean, sempre nel cuore della città vecchia, si trova rue juiverie, stradina nel quinto arrondissement che nel medioevo accolse una comunità di ebrei. adesso, passeggiando tra le architetture rinascimentali che rivelano l’influenza dei mercanti e banchieri italiani che vi si riversarono, in rue juiverie si respira l’arte a ogni passo. qui nostradamus faceva stampare le proprie pubblicazioni, perché qui risiedevano, tra gli altri, gli stampatori etienne dolet, sébastien gryphe, jean de tournes, françois juste.

 

sdr

rue juiverie in prospettiva

dav

dav

 

dav

qui, e nelle prossime due immagini, la vetrina della librairie sylvain revel in rue de juiverie

dav

dav

 

dav

qui e sotto, l’arte del teatro

dav

 

dav

l’arte della musica

 

 

 

 

One thought on “postcards from lyon 7

  1. Che meraviglia 🍁🌹

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...