cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee


Lascia un commento

come, gather here stationery lovers: ancora bonvini

logo

della cartoleria bonvini di milano “cose da libri” ha parlato qui e qui. per la cancelleria in generale cercate nella categoria “cancelleria”.

adesso fabrizio ravelli ha scritto un bellissimo articolo su entrambi i temi, da leggere avidamente se siete appassionati. su doppiozero, qui. enjoy!


2 commenti

Prendete e leggetene tutti

Segnalo, dal sito della “Ricerca”, meritoria rivista online di Loescher editore (cliccate qui se volete prelevare il n. 11 in pdf) , un paio di articoli interessanti, entrambi di Elena Franchi. Buona lettura.

s-l225Occhi bassi e capo chino

“Per secoli la donna è stata educata in vista del ruolo che avrebbe dovuto svolgere in famiglia e nella società. La sua formazione era prevalentemente di tipo manuale, un “saper fare” che presupponeva anche il controllo sulla postura del corpo e sull’attività della mente: gli occhi bassi, la testa china sul lavoro delle mani; la mente occupata nell’attività e non in preda a pericolose fantasie.”

È un sintetico excursus sull’istruzione delle bambine, dall’Enciclopedia della fanciulla a, vivaddio, Pippi Calzelunghe, passando per l’assenza di Stevenson, Kipling, Twain, Collodi.

prl-1950-fila-antica-scatola-antique-matita-matiteAmate matite

“Pare che siano stati due italiani, Simonio e Lyndiana Bernacotti, i primi a pensare di inserire un’anima di grafite in un contenitore in legno, ma fu soltanto alla fine del Settecento che il francese Nicolas-Jacques Conté mise a punto lo strumento, composto da una sottile mina − un impasto principalmente composto da polvere di grafite e argilla −, entro un’asticciola di legno tenero facilmente temperabile.”

Non solo Olivetti: in questo articolo scopriamo che nell’Ottocento Lotar Faber, discendente del pioniere della matita Kaspar, provvede a migliorare la qualità del lavoro dei suoi dipendenti con l’assistenza sanitaria, la garanzia della pensione e una cassa di risparmio interna, poi, sempre per i lavoratori, fonda un asilo, costruisce appartamenti e, last but not least, apre per loro una biblioteca. Non perdetevi la gallery di immagini.

 


3 commenti

Matite gialle

VARIOUS - 1983

Roald Dahl, 1983. Fotografia di Stephen Hyde. Courtesy

“Roald Dahl scriveva sempre a matita e sempre solo con un particolare tipo di matita gialla con gomma sull’estremità superiore: una Dixon Ticonderoga 1388-2 5/10 media. Prima di cominciare a scrivere, Roald si assicurava di avere sei matite appuntite in un portapenne che si teneva accanto, che duravano due ore prima di dover essere nuovamente temperate.”

Da D is for Dahl. A gloriumptious A-Z guide to the world of Roald Dahl, Viking, New York 2005

Quest’anno, il 13 settembre, si festeggeranno, oltre al genetliaco di mrs. cosedalibri, i cento anni dalla nascita di Roald.

R7065a

article-2310571-1963CA81000005DC-388_306x468