cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee


Lascia un commento

misteri d’estate

in questa estate assai  vagabonda di lavoro e svago capita a mrs. cosedalibri di sostare a milano. milano, con la sua milano sport e le sue offerte popolari. ma si sa, non sempre il popolare è virtuoso, così le piscine pubbliche di milano, con i loro prezzi popolari e la loro apertura ecumenica, sono la triste dimostrazione che dal popolare al degradato il passo è talora breve. e quindi, se d’estate si cerca refrigerio – posto che non lo si trovi a casa propria, dove è sempre sublime la combinazione tapparella un po’ abbassata, bevanda fredda e libro: sul divano in versione estiva, ricoperto da un asciugamano –, se dunque si cerca refrigerio la soluzione perfetta sono i bagni misteriosi.

dav

la piscina è adiacente al teatro franco parenti

digdavi bagni misteriosi sono la piscina pubblica milanese più bella e più pulita, quella dove si può nuotare, leggere, mangiare, fumare, pensare ai casi propri senza il fastidio attorno di gente troppo pop.

dav

l’ingresso alla biblioteca

IMG-20170729-WA0004

una parete della biblioteca

dig

in alto: classici

dav

vermeer ed enciclopedia universale dell’arte

IMG-20170729-WA0001

lettore beato sull’amaca

dig

giovane famiglia in lettura con bambino dormiente

davnaturalmente destinata a persone in equilibrio con le proprie pulsioni, dispone di un punto ristoro (è vero, non ci sono i panini con la mortadella che tanto piacerebbero a certe critiche sciocchine; ma si possono portare i propri cibi da casa e mangiarli in un civilissimo spazio collettivo) e di una biblioteca con libri e riviste, vi si possono affittare poggiatesta e ombrellini da sole e i sorveglianti sono quasi disoccupati, poiché difficilmente chi approda ai bagni è animato dal desiderio di provocare problemi.

sdr

sotto l’ombrellone bianco si possono mangiare cibi acquistati in loco oppure portati da casa

chi si lamenta per i prezzi alti – l’ingresso costa in media quindici euro – dovrebbe riflettere sul fatto che un certo numero di ore di pace e di letizia in fondo costa quanto due cocktail, ma rende assai di più. i bagni misteriosi sono bagni da libri e con libri, perfetti dunque per chi legge e scrive. provateli.


Lascia un commento

“la gioia più alta e perfetta” per giovanni papini

PAPINI_CON_MOGLIE_E_FIGLIE

Giovanni Papini con la sia famiglia, anni trenta-quaranta. Courtesy

Gl’italiani non sanno abbastanza che un libro non è soltanto un pacco di fogli stampati, numerati e cuciti ma è, soprattutto, una immateriazione dello spirito umano. Un buon libro, infatti, è una riserva di strumenti naturali per la conoscenza e la conquista del mondo oppure una sorgente, sempre a portata di mano, d’illuminazioni e di consolazioni spirituali. Chi tocca un libro tocca un’anima. Chi ama un libro possiede un amico sicuro, silenzioso, quanto mai modesto che si può chiamare o congedare a volontà. I libri ci rivelano quel che non abbiamo saputo scoprire, ci rammentano quel che abbiamo dimenticato, ci rasserenano nelle ore della tristezza, ci divertono nelle ore del tedio, ci sublimano nelle ore della gioia. Esiste un libro adatto a ogni uomo; c’è un libro per ogni curiosità, per ogni stagione, per ogni giornata. A chi sa interrogarlo risponde sempre; se lo lasciate attende per anni, col suo tacito tesoro chiuso nelle pagine, il vostro ritorno. Nessuna cosa al mondo è più generosa e costante di un vero libro. Tutte le altre forme del divertimento umano – teatro, concerto, cinema, esibizioni atletiche – sono collettive, e vi partecipiamo come atomi di una moltitudine. Il libro, invece, è un dialogo vivo tra due soli uomini: lo scrittore e il lettore. È un piacere individuale, che non richiede la presenza, talvolta intempestiva, di estranei. In tempi come i nostri, nei quali tanto si parla dell’autonomia dello spirito e della dignità della persona umana, la lettura di un libro dovrebbe essere considerata la gioia più alta e perfetta.
Giovanni Papini, Le disgrazie del libro in Italia, La Biblioteca di Babele, edizione in pdf, 2003

bf4bce19cd8a9baadd5749e8bc54960b

Giovanni Papini nella sua biblioteca. Courtesy Pinterest, fonte sconosciuta

Qui trovate una biografia del fondatore di “Lacerba”.

Qui potrete prelevare l’intero pamphlet in pdf (poche pagine che vale la pena di leggere).

Qui trovate l’Introibo del primo numero di “Lacerba” (“Sarà questo un foglio stonato, urtante, spiacevole e personale”).

Lacerba-primo-numero-1°-gennaio-1913-431x590

Il primo numero di “Lacerba”, 1° gennaio 1913. Courtesy

Qui trovate alcune lettere di Papini al sacerdote e scrittore Cesare Angelini (“E sia benedetto come nostro patrono Sant’Ilario da Poitiers il quale nel suo Tractatus super psalmos, affermava che il brutto stile è peccato”)

3Dnn+8_11C_gra_9788804128465-opere_original

Meridiano dedicato a Giovanni Papini, a cura di Luigi Baldacci e Giuseppe Nicoletti, Mondadori, Milano 1995


2 commenti

Prendete e leggetene tutti

Segnalo, dal sito della “Ricerca”, meritoria rivista online di Loescher editore (cliccate qui se volete prelevare il n. 11 in pdf) , un paio di articoli interessanti, entrambi di Elena Franchi. Buona lettura.

s-l225Occhi bassi e capo chino

“Per secoli la donna è stata educata in vista del ruolo che avrebbe dovuto svolgere in famiglia e nella società. La sua formazione era prevalentemente di tipo manuale, un “saper fare” che presupponeva anche il controllo sulla postura del corpo e sull’attività della mente: gli occhi bassi, la testa china sul lavoro delle mani; la mente occupata nell’attività e non in preda a pericolose fantasie.”

È un sintetico excursus sull’istruzione delle bambine, dall’Enciclopedia della fanciulla a, vivaddio, Pippi Calzelunghe, passando per l’assenza di Stevenson, Kipling, Twain, Collodi.

prl-1950-fila-antica-scatola-antique-matita-matiteAmate matite

“Pare che siano stati due italiani, Simonio e Lyndiana Bernacotti, i primi a pensare di inserire un’anima di grafite in un contenitore in legno, ma fu soltanto alla fine del Settecento che il francese Nicolas-Jacques Conté mise a punto lo strumento, composto da una sottile mina − un impasto principalmente composto da polvere di grafite e argilla −, entro un’asticciola di legno tenero facilmente temperabile.”

Non solo Olivetti: in questo articolo scopriamo che nell’Ottocento Lotar Faber, discendente del pioniere della matita Kaspar, provvede a migliorare la qualità del lavoro dei suoi dipendenti con l’assistenza sanitaria, la garanzia della pensione e una cassa di risparmio interna, poi, sempre per i lavoratori, fonda un asilo, costruisce appartamenti e, last but not least, apre per loro una biblioteca. Non perdetevi la gallery di immagini.

 


2 commenti

eccellenti motivi per recarsi a torino

metro_poetry_2017_banneril viandante che dovesse raggiungere torino, e decidere di prendere la metropolitana per recare qualche sollievo ai piedi costretti nei sandali e gonfi per il lungo cammino, potrà dilettare anche lo spirito, ascoltando poesia mentre attende il suo treno. rivolgo da queste pagine un appello ai signori della metropolitana milanese: prendete esempio, eliminate quegli orrendi, chiassosi schermi con le pubblicità e la musica invadente.

metropoetry dura fino al 15 aprile 2017.


2 commenti

cose da libri di oscar

oscar_wilde

Oscar Wilde. Courtesy

[…] Inorridisco a ritornare nel mondo senza possedere un solo volume mio proprio. Mi chiedo se alcuno dei miei amici come Cosmo Lennox, Reggie Turner, Gilbert Burgess, Max ed altri volessero regalarmi qualche libro. Voi sapete qual sorta di libri io desideri: Flaubert, Stevenson, Baudelaire, Maeterlinck, Dumas padre, Keats, Marlowe, Chatterton, Coleridge, Anatole France, Théofile Gautier, Dante e tutta la letteratura dantesca, Goethe e la letteratura goethiana, ecc… Sarebbe una gran cortesia per me il farmi giungere dei libri – e forse vi è qualche amico che vorrà mostrarmi la sua bontà. Son di animo veramente assai grato, benchè spesso, io temo, non sembri. Ricordatevi però che ho avuto continui tormenti, a parte la vita di prigione. […]

Oscar Wilde, La ballata del carcere di Reading, 1898


Lascia un commento

Cose da libri di Sammy

portrait

Samuel Johnson. Courtesy

Qui sotto, pensieri su libri e lettura secondo Samuel Johnson, tratti da Johnsoniana: or, Supplement to Boswell : being anecdotes and sayings of Dr. Johnson / collected by Piozzi, Hawkins, Tyers … [et al.], John Murray, London 1836, in cui il civettuolo Johnson afferma tra l’altro di aver raramente letto un libro per intero.

  1. Leggere

Dal canto suo, il signor Johnson non era mai stato molto studioso, ed era solito consigliare ai giovani di non farsi mai mancare un libro in tasca, da leggere a tempo perso, quando non avessero altro da fare. “È stato così”, disse un giorno a un ragazzo in casa nostra, “che ho acquisito tutta la mia conoscenza, tranne ciò che ho imparato andando per il mondo con le facoltà all’erta per osservare e la lingua pronta a parlare. Si è raramente in vena di aprire il proprio armadietto, riordinare la scrivania e applicarsi seriamente agli studi; ma una memoria che assorbe sarà utile, e si riceveranno insolite lodi se si riuscirà a ricordare passaggi salienti di diversi libri, a tenere separati gli autori in mente, a mettere in gioco accortamente le proprie conoscenze. “Come farebbero altrimenti i giocatori d’azzardo”, aggiunse, “a giocare più denaro di quanto ne abbiano?”

p. 14

  1. Libri tascabili

Il dottor Johnson era solito dire che nessuno legge più a lungo un in folio su un tavolo. “Dopotutto”, diceva, “i libri che puoi portare vicino al fuoco, e tenere comodamente in mano, sono i più utili, quelli più largamente diffusi e facili”. Gli piacevano moltissimo libri come il francese Esprits d’un tel, ad esempio, o Beauties of Watts e così via: “ai quali”, diceva, “si guarda spesso e che si è tentati di continuare a leggere, mentre probabilmente si sarebbe spaventati da libri di formato più grande e di aspetto più erudito”.

p. 115

  1. Leggere

Johnson preferiva la conversazione ai libri; ma quando, privo di compagnia, era spinto alla lettura, allora si dedicava a quell’intrattenimento. A giudicare dalle sue innumerevoli citazioni, si potrebbe supporre che avesse letto più libri di qualsiasi altro in Inghilterra; ma egli dichiarava che questa idea era un errore a suo favore. Ammetteva di non aver quasi mai letto un libro per intero. Churchill, avendo forse ascoltato questa confessione a mo’ di vanto, soleva dire, che “se Johnson avesse letto solo pochi libri, non avrebbe potuto essere autore delle proprie opere”. La sua opinione, comunque, era che chi legge di più ha l’opportunità di conoscere di più; però, dichiarava, leggere senza sosta è brutto quanto la schiavitù in miniera, o il pesante compito del remare.”

p. 151

210693552-0-l

Courtesy