cose da libri

dove si esplorano parole e si va a caccia di idee


Lascia un commento

autopromozione: “after the tribes”, una mostra dell’artista israeliana beverly barkat

“nello studio della dodici tribù di israele”, dice beverly in un’intervista a rai tre che uscirà a breve, “ho trovato il primo punto di connessione tra me stessa e la terra in cui ho scelto di vivere, israele, a cui sono giunta dal sudafrica.”

Screen Shot 2018-10-19 at 09.42.18nelle parole di giorgia calò, tra gli autori dei saggi, “L’opera è composta da una struttura metallica scandita in dodici riquadri, dove altrettanti dipinti su PVC semitrasparente del diametro di un metro sembrano fluttuare all’interno di ognuno di essi. Le dodici pitture circolari sono animate da una specifica trama cromatica che si rifà agli antichi testi, secondo cui ogni tribù era contraddistinta da una bandiera, o drappo di seta, con il simbolo rappresentante e presiedeva un territorio. Gli stendardi avevano il colore delle pietre preziose poste sul chòshen, il pettorale indossato dai cohanìm (sacerdoti). Sulle dodici gemme, collocate su quattro file, erano incisi i nomi dei figli di Giacobbe. Quando la luce le colpiva, queste emettevano il loro bagliore e i nomi d’Israele apparivano in rilievo rifulgendo a loro volta. I colori vivi e le pietre preziose, incastonate nel chòshen, esercitavano, secondo una tradizione cabalistica, la capacità di attrarre la dimensione spirituale presente e imprigionata nella materia.”

il catalogo della mostra è di marsilio; le traduzioni dall’inglese all’italiano sono della vostra anna albano, in compagnia dei colleghi robert burns e leslie ray per italiano —>inglese.

 

After the Tribes

11 ottobre

31 dicembre 2018

Museo Boncompagni Ludovisi,

Roma


Lascia un commento

pun me please_james geary sui giochi di parole e sulla necessità di avere un amico

 

Screen Shot 2018-10-18 at 13.44.53.pngè in uscita a novembre di quest’anno, purtroppo solo in inglese, wit’s end – what wit is, how it works, and why we need it. scritto da james geary, vicecuratore della nieman foundation for journalism a harvard, il volume indaga il wit in tutte le sue manifestazioni, dal sermone religioso al testo rap. in un’intervista rilasciata a ephrat livni di “quarz” pubblicata nell’agosto di quest’anno, geary si sofferma in particolare sui giochi di parole come attività che acquista il suo senso pieno quando, non più esercizio individuale, trova un interlocutore/complice per concretizzarsi nel suo stato di intelligenza condivisa, in cui la sintesi supera la somma delle parti. procuratevi un amico, cari lettori.

9780393254945_300.jpeg

Per Geary, i giochi di parole rappresentano la saggezza. Concede che alcuni sono solo divertenti, non profondi, e anche che esagerare con i giochi di parole può risultare fastidioso per gli altri. Ma crede che la capacità di giocare e di mettere in relazione idee diverse, come dimostra il gioco di parole, sia alla base di tutta la creatività umana, nelle arti e nelle scienze e oltre. “Quando fai un gioco di parole, metti insieme due idee distinte – una coincidenza di suono, di valenza o di significato –, e ottieni un risultato terzo”, dice Geary. “I giochi di parole sono un modo di apportare conoscenza.”

Anche se possiamo fare dello spirito da soli, come lo stesso Geary fa a volte, un gioco di parole di successo viene meglio con un complice. L’espressione arguta ha poca importanza se non abbiamo davanti un ascoltatore intelligente che colleghi le cose con noi. Chi parla e chi ascolta sono alleati ed entrambi devono essere capaci di usare la creatività perché il gioco di parole funzioni. Il parlante e il destinatario imboccano una strada unica per collegare nozioni distinte.

“Il gioco di parole è fondato sullo scambio e crea intimità”, insiste Geary. “Siete entrambi coinvolti, condividete un segreto. Lo capite entrambi, e quel gioco è l’aspetto creativo archetipico della mente e dell’essere in relazione”.

136751_254x191.jpg

e poi bisogna dire che james geary è piuttosto avvenente


Lascia un commento

Burroughs, Sitwell e Chanel

original-eauty-marilyn-monroe-chanel-n-5-pubblicita-n-5-extrait-white-15380100-1-ita-it-n-5-extrait-white-jpg.jpg

“A Sitwell non piaceva leggere William S. Burroughs, e quando fu pubblicato Il pasto nudo, nel 1959, scrisse diverse lettere al ‘Times Literary Supplement’, in cui diceva ‘Non voglio passare il resto della vita col naso incollato ai gabinetti degli altri. preferisco Chanel N° 5’.”

Terry Newman, Legendary Authors and the Clothes They Wore, Harper Design, New York 2017

Horst_EdithSitwell-1.jpeg

horst p. horst, edith sitwell, new york, 1948. courtesy

Burroughs-154.jpg

willliam burroughs. courtesy

024-coco-chanel-theredlist.png

gabrielle chanel. courtesy


4 commenti

giovanni non è lui_creare in altri luoghi

milanofree.it_giovanni-testorichi fosse interessato a giovanni testori e desiderasse leggere una ricca biografia dell’autore di novate milanese può trovare quella curata da fulvio panzeri sul sito della fondazione mondadori, e precisamente qui.

l’attenzione di mrs. cosedalibri si è appuntata sull’anno 1958, quello dei racconti del ponte della ghisolfa. a proposito di questi, testori rilascia un’interessante dichiarazione su un argomento che “cose da libri” ha affrontato qui e qui – vedi anche alla voce cancelleria: è la questione del displacement, dello scrivere o rivedere in un posto che è tutt’altro dal luogo di lavoro abituale.

“Ho sempre scritto a mano. Detesto quel rapporto asettico con la macchina da scrivere, che uso solo per l’ultima stesura. Lavoro bene nelle zone di non appartenenza. I racconti del Ponte della Ghisolfa li ho scritti al parco, nei bar, alla biblioteca d’arte del Castello. Ho sempre lavorato così e non ho mai capito perché: al bar, in treno… Nei luoghi dove non sono ‘io’”.

profile-1.png

una delle ultime palomino, la 54, dedicata ai surrealisti. ampiamente provata da mrs. cosedalibri, che la raccomanda in virtù della sua moderata pastosità e di una scorrevolezza che non paga pegno a sbavature: ideale per la revisione di testi

a proposito del rivedere, riprendo da un antico post di questo blog (sì, mi sto autocitando, ma la cosa è funzionale al discorso):

“questo è il felice momento in cui, dopo la prima lettura su carta e gli interventi sul file (che hanno sommato quelli su carta e quelli che venivano sul momento, mentre lavoravo), terminato il primo livello di lavoro, faccio stampare il risultato in copisteria, rilegato a spirale. mi procuro diverse penne colorate. e poi mi sposto dalla scrivania di casa a una poltrona della feltrinelli (scusate, librai indipendenti, ma normalmente voi non avete una sedia, oppure non è possibile rimanere da voi ore e ore senza che qualcuno si avvicini e mi chieda se può aiutarmi). questo tipo di displacement, quando si fa editing o si traduce, è molto utile per recuperare freschezza, ancora di più se tra la fine della prima fase del lavoro e l’inizio della seconda si lascia trascorrere qualche giorno.

è il momento in cui capisco se ciò che ho tolto rende il testo eccessivamente obliquo, se ho ceduto alle mie manie di laconicità, se ho detto talmente poco da non mostrare nulla. se le parti sono equilibrate, se i personaggi sono rimasti tondi, se sono troppo secchi, se bisogna chiedere all’autore di riscrivere, rimpolpare, sfrondare, precisare.

è anche il momento della verità, in cui l’autore rilegge in parallelo a te e presto ti dirà se si riconosce nella voce in parte nuova con cui parla il suo testo. il tempo in cui misuri, oltre alle capacità ‘tecniche’, anche quelle di relazione e di comunicazione.”

e insomma, quando scriviamo, o rivediamo alla luce di qualche sedimentazione, siamo tutti un po’ giovanni, che però non è lui.


2 commenti

lupi travestiti da agnelli

giorni fa mi è capitato di ricevere in copia un messaggio e-mail che riguardava un progetti in cui sono coinvolta ma non la parte di mia stretta competenza.

la mail cominciava con la parola “buongiorno”, motivo in sé sufficiente per condannarne l’autore alla gogna. e proseguiva, se possibile peggio, con “avevo chiesto cortesemente” + puntigliosa descrizione di ciò che aveva chiesto e secondo la sua valutazione non ottenuto.

ora io gli chiedo e mi chiedo: stai specificando che hai chiesto cortesemente e quindi ci hai evitato una richiesta scortese, che pure sarebbe stata legittima, vista la nostra supposta inadempienza? quell’avverbio untuoso è una maschera malamente indossata che nasconde le tue zanne da lupo, caro mittente, il tuo cortese, profondissimo desiderio di incazzarti.


Lascia un commento

“non c’è più nessuno al mondo che voglia svegliarsi nel cuore della notte e cantare?”, o della passione

Mary Oliver

mary oliver. courtesy

non ho mai incontrato nessuno dei miei amici […] nella solita maniera; erano estranei, e vivevano unicamente nei loro scritti. ma nonostante fossero compagni-ombra, erano comunque presenti, potenti, e sorprendenti. nel senso che dicevano cose straordinarie, che hanno cambiato il mio mondo.

In quest’ora dico cose in confidenza,

Potrei non dirle a tutti, ma le dirò a te.

whitman è stato il fratello che non ho avuto […] splendeva al crepuscolo nella mia stanza, in cui andavano accumulandosi libri, quaderni e stivali sporchi di fango, e la vecchia underwood di mio nonno.

La mia voce va dove i miei occhi non possono giungere,

con un ruotare di lingua circondo mondi e volumi di mondi.

[…]

così, quando cominciai a scrivere poesie, quelle di whitman mi stavano davanti come modelli. intendo il potere oceanico e il rombo che percorrono la poesia di whitman: la sintassi rapinosa, le dichiarazioni smisurate. in quegli anni la verità mi sfuggiva, così come la mia fiducia di poterla riconoscere e contenere. whitman mi ha salvaguardato dalle paludi di un’incertezza peggiore, e ho vissuto molte ore dentro il cerchio illuminato della sua sicurezza, e della sua spavalderia. […] e c’era la passione che profondeva nelle sue poesie. la curiosità metafisica! la tenerezza profetica con cui guardava al mondo: la sua brutalità, le sue differenze, le stelle, il ragno, nulla stava al di fuori della sua sfera di interessi. mi deliziavo della specificità delle sue parole. […]

ma prima di tutto ho imparato da whitman che la poesia è un tempio, o un prato verde, un posto in cui entrare e in cui sentire. l’aspetto intellettuale viene dopo […] ho imparato che la poesia non è fatta solo per esistere, ma per parlare: per fare compagnia.

ricordo il vagare, l’oziare, i giorni meravigliosi in cui, in compagnia di whitman, ho infilato i pantaloni negli stivali, sono andata e mi sono divertita.

mary oliver, my friend walt whitman, in upstream, penguin press, new york 2016

images

l’amore e la necessità profonda della creatività – del potere di creare e modificare mondi – nelle parole di mary oliver, della quale mrs. cosedalibri ha tradotto indegnamente un frammento. è l’invito di “cose da libri”, che ritorna nel giorno in cui un tempo si tornava a scuola. con l’augurio, per questo nuovo anno, di svegliarsi nel cuore della notte per cantare e, quando viene il giorno, di essere felici senza ragione.

oh, e ben ritrovati.